DigitalNewsChannel

Batterie esauste delle Chevrolet Volt come gruppi di continuità per il data-center GM

L'auto elettrica è il futuro. Qualcuno ci crede convinto, altri pensano che la chiave della mobilità a breve termine sia l'ibrido, mentre una terza fazione continua a sperare nell'idrogeno, unica fonte, tra quelle citate, sulla carta quasi inesauribile, oltre che rispettosa dell'ambiente (ma non troppo per la sicurezza degli occupanti il veicolo)

Già, perché le batterie che hanno svolto le funzioni di "serbatoio di energia" per le auto elettriche hanno, come tutti gli oggetti che popolano il nostro quotidiano, un ciclo di vita finito, al termine del quale il blocco di accumulatori non garantisce più le necessarie performance. Questa soglia è rappresentata dall'80% di efficienza, al di sotto della quale si procede alla sostituzione del blocco..

Batterie Chevy Volt

Questo ha portato a riutilizzare, in modo diverso da come erano state costruite, cinque vecchie batterie, montate in precedenza su altrettante Chevrolet Volt, che sono state impiegate come gruppi di continuità per il data-center di General Motors di Milford, in Michigan.

Il loro compito è quello di immagazzinare l'energia prodotta dalla centrale a pannelli solari da 74 kw dell'impianto ed alimentare il sistema in caso di black-out. Le batterie insieme garantiscono una autonomia fino a quattro ore.

Pur non essendo più utilizzabili sulle autovetture,  i numerosi cicli di ricarica che le batterie sono in grado di fornire, rappresentano un modo per un ulteriore sfruttamento di questi dispositivi, aspetto che ritarda il presentarsi dell'annoso problema dello smaltimento, con tutto ciò che ne deriva.

Fai il login per postare un commento

In Evidenza

Mercati - Big 4

Loading
Chart
o Apple 143.48 ▲1.21 (0.85%)
o Google 858.30 ▲15.11 (1.79%)
o IBM 160.64 ▲0.26 (0.16%)
o Microsoft 67.28 ▲0.88 (1.33%)

Mercati - Hardware

Loading
Chart
o AMD 13.10 ▲0.10 (0.77%)
o ARM $0.00 (%)
o Intel 36.53 ▲0.21 (0.58%)
o NVIDIA 102.28 ▲0.60 (0.59%)

Mercati - Fotografia

Loading
Chart
o Canon 3,501.00 ▲20.00 (0.57%)
o Fujifilm 4,014.00 ▲27.00 (0.68%)
o Nikon 1,561.00 ▲4.00 (0.26%)
o Sony 3,730.00 ▲138.00 (3.84%)
DigitalNewsChannel© 2010 - 2013 di Professional Systems Consulting srl. P.IVA: 01339090050 Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica senza espresso consenso dell'editore. DigitalNewsChannel è testata giornalistica registrata n. 4 del 16/06/2010 presso il Tribunale di Asti. Iscrizione ROC n° 21062.

Registrati

Registrazione utente